Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “Facebook Pixel [noscript]” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

 

Fondazione e Politecnica insieme per fare il punto sulla terapia dei linfomi. Valerio Mastandrea in collegamento

Fondazione e Politecnica insieme per fare il punto sulla terapia dei linfomi. Valerio Mastandrea in collegamento

Un momento di confronto per fare il punto sugli sviluppi della ricerca scientifica e sul prezioso apporto delle terapie Car-T nella cura dei tumori del sangue. “La terapia dei linfomi”, questo il titolo del convegno in programma venerdì 24 febbraio, a partire dalle ore 14.30, alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Ancona (Aula C).

Ad aprire i lavori sarà Amalia Dusmet, presidente della Fondazione, che illustrerà gli obiettivi raggiunti e le prospettive per il futuro. La parola passerà quindi al dottor Guido Gini, dirigente medico della Clinica di Ematologia, che approfondirà ulteriormente il tema, evidenziando lo stato dell’arte nella terapia di prima linea nei linfomi aggressivi. Il professor Attilio Olivieri, direttore della Clinica di Ematologia, si soffermerà invece sulle Car-T e l’attività trapiantologica. Moderatore dell’incontro sarà Matteo Magnarelli della MMag Comunicazione. In collegamento interverrà Valerio Mastandrea, il nuovo testimonial della Fondazione Lorenzo Farinelli che assieme all’Università Politecnica delle Marche ha organizzato questa importante iniziativa.

Valerio Mastandrea (foto di Fabio Lovino)

L’avvento delle cellule Car-T, quelle su cui Lorenzo Farinelli aveva riposto tutte le speranze, ha rivoluzionato le possibilità terapeutiche dei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule recidivati e refrattari a più linee di terapia. Grazie a modifiche del loro recettore, che va così a colpire le cellule della malattia, i linfociti ingegnerizzati sono in grado di attaccare il linfoma, ottenendo remissioni prolungate in una proporzione significativa di pazienti. Più recentemente, il ruolo della terapia con CAR T sta emergendo anche in altre forme di linfoma B, come il mantellare.

L’appuntamento è per dopodomani, venerdì 24 febbraio, a partire dalle ore 14.30, alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Ancona (Aula C). Insieme per sconfiggere le patologie oncoematologiche.

Info utili: tel: 335.6603497, mail: info@fondazionelorenzofarinelli.it



Su questo sito web utilizziamo strumenti di terzi che memorizzano piccoli file cookie sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente cookie tecnici, per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione cookie statistici. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma tu hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Privacy cookie policy.